COP-26: I diritti fondiari degli indigeni devono essere rispettati ora per aiutare a mitigare il cambiamento climatico! 

Barbara Crane Navarro

Txai Suruí

«I popoli indigeni sono in prima linea nell’emergenza climatica e noi dobbiamo essere al centro delle decisioni che si prendono qui. Abbiamo idee per posticipare la fine del mondo.»

  • Txai Suruí, attivista indigeno brasiliano di 24 anni

Txai Suruí ha aggiunto che gli calendari annunciati al tavolo dei negoziati della COP-26 dai funzionari del governo per ridurre le emissioni di carbonio e diminuire l’uso di combustibili fossili erano gravemente inadeguati.

«Limiteremo l’emissione di promesse false e irresponsabili, porremo fine all’inquinamento delle promesse vuote e lotteremo per un futuro e un presente vivibili.

Non è nel 2030 o nel 2050», lei disse, «È adesso.»

La foresta pluviale amazzonica è la più grande foresta pluviale della Terra ed è essenziale per regolare il clima del mondo.

L’Articolazione dei Popoli Indigeni del Brasile (APIB) ha affermato che «Ci opponiamo a soluzioni false basate su innovazioni tecnologiche progettate dalla stessa logica di…

View original post 440 more words