Un mese di violenti attacchi di minatori d’oro contro le comunità Yanomami senza protezione da parte dello Stato brasiliano! – « Se i cercatori d’oro scavano ovunque, i fiumi della foresta saranno pieni di fango, olio per motori e spazzatura. Lavano la loro polvere d’oro nei ruscelli, mescolandola al mercurio, sporco e pericoloso… »

Barbara Crane Navarro

Uomo Yanomami che punta una freccia – foto: Gullane / Pedro J Marquez

Un conflitto è scoppiato il 27 aprile, quando un gruppo di Yanomami ha intercettato minatori illegali che risalivano il fiume Uraricoera su un motoscafo carico di carburante per i loro aerei, elicotteri e gli escavatori industriali che usano per sradicare alberi e spostare il terreno. Gli Yanomami hanno sequestrato 990 litri di carburante. In seguito, un altro gruppo di cercatori d’oro diretti a Boa Vista ha sparato sugli Yanomami nel tentativo di intimidire la comunità indigena che da anni cerca di impedire ai minatori illegali d’oro di risalire i fiumi del loro territorio.

Il 30 aprile, gli Yanomami hanno contattato le autorità governative per avvisarli di episodi di violenza nella regione di Palimiú. La regione è composta da 1.129 Yanomami in 15 villaggi.

Le forze di sicurezza dello Stato non hanno adottato alcuna misura efficace.

Sito illegale…

View original post 1,098 more words