Il falso “Morbo di K” inventato dal medico Ossicini

During the Second World War, Adriano Ossicini, doctor at the Fatebenefratelli hospital, located on the Tiberina island and near the Jewish ghetto, together with the primary Giovanni Borromeo invented the K disease to save dozens of Roman Jews from Nazi-fascist roundups and prevent them from being sent to the Extermination camps.

Le pagine dei nostri libri

Durante la seconda guerra mondiale, Adriano Ossicini medico all’ospedaleFatebenefratelli, sito sull’isola Tiberina e vicino alghetto ebraico, insieme al primario Giovanni Borromeo inventò il morbo di K per salvare decine di ebrei romani dai rastrellamenti nazifascisti ed evitare che venissero inviati nei campi di sterminio.

Egli, insieme ai suoi colleghi, compilò false cartelle cliniche con il nome della malattia, a cui venne dato il nome dalle iniziali degli ufficiali nazisti Kesselring e Kappler, definendola “contagiosissima” in modo tale da scoraggiare i nazisti dal controllo dei nomi dei pazienti. I medici si riferivano a questi pazienti, come pazienti “Kesselring” per indicare i pazienti in fuga dai tedeschi.

Al morbo di K fu dedicato un reparto in cui furono ricoverati sotto falso nome ebrei e polacchi che restavano qualche giorno, fino a quando da una tipografia non arrivavano clandestinamente falsi documenti di identità che ne permettevano la fuga dopo essere stati dichiarati morti…

View original post 459 more words