« Ci hanno ostacolato. Se non avessimo invaso la loro foresta, non avremmo avuto l’oro. »

Barbara Crane Navarro

Fotografia: Una donna Yanomami, con il suo bambino sulle ginocchia, prepara un pasto

Come dice il portavoce degli Yanomami Davi Kopenawa nel suo libro La caduta del cielo: “Tutta la terra del Brasile era già occupata da persone come noi. Oggi è quasi vuoto ed è uguale ovunque. Quasi tutti i primi abitanti della foresta sono scomparsi. Quelle che ancora esistono qua e là sono ciò che resta del gran numero che i bianchi uccisero molto tempo fa per conquistare le loro terre. Quindi … questi stessi bianchi non avevano paura di amare oggetti di cui divoravano i proprietari come nemici.

Da allora, hanno tenuto questi beni chiusi nel bicchiere dei loro musei per mostrare ai loro figli ciò che resta di coloro che sono stati uccisi dai loro anziani. Ma quando cresceranno, questi ragazzi non finiranno per chiedere: ‘Hou! Queste cose sono davvero belle, ma perché hai distrutto…

View original post 60 more words